Benvenuto

Vere da pozzo pubbliche di Venezia
L'approvvigionamento idrico fra storia e arte

L'approvvigionamento idrico fu sempre problematica fondamentale a Venezia e nelle isole limitrofe.
Date le particolari caratteristiche idro-geologiche della laguna, i cittadini avviarono già nell'Alto Medioevo la costruzione di cisterne sotterranee, comunemente definite pozzi sormontate nella parte esterna superiore da elementi architettonici e decorativi detti vere da pozzo.
La loro abbondanza (si calcola che nei vari secoli abbiano superato il numero di seimila) si spiega con l’impellente necessità di approvvigionamento e di raccolta di acqua dolce. Come notava infatti il poeta Marin Sanudo (1466-1536) «Venezia è in aqua et non ha aqua».